HOMELA SCUOLA DI DANZALA MASCHERA NEUTRAIL GRUPPO GESTUALEGLI INSEGNANTICONTATTACILINKS
 

 

 


News

14 Giugno 2015 "Altrove " - Teatro ai Colli di Padova - Nuovo Balletto di Danza Gestuale
14 Giugno 2015 "Altrove " - Teatro ai Colli di Padova - Nuovo Balletto di Danza Gestuale ore 20,30 Biglietto: € 12,00

Domenica 15 Giugno 2015 alle ore 20,30 presso il Teatro ai Colli di Padova
Coreografia di Marina Soligon - Elena Baggio.
Sinopsi di Marina Soligon
Foto di Alessandro Canini
Coreografia di Marina Soligon – Elena Baggio

Parte Prima: Verso l'Invisibile

Parte Seconda : ALTROVE

 

Un pensiero danzato, uno stesso concetto esteso a due momenti della vita.

L’altrove dei più piccoli è rivolto all’interno, al sé ,all’ ”ora” . L’Altrove dei bambini è rivolto al loro mondo invisibile.

L’Altrove degli adulti è rivolto all’esterno all’ “ovunque fuorché qui”

Il secondo tempo si è ispirato dalla poesia di Fernando Pessoa

Andiamo “Altrove” Lo sentiamo mormorare , dire, gridare a volte ,da molti da troppe persone. Esiste ancora un Altrove? Altrove, il nuovo Eldorado, dove i campi sono belli, la luna splende, regna l’allegria. Ma per giungere Altrove non servono navi, possiamo raggiungerlo con la nostra fantasia. Cerchiamo “Altrove” dentro di noi.

Un coreografo è un traduttore perché come l'essere poeta e scrittore non costituisce una professione, ma una vocazione.


Andiamo via, creatura mia,

via verso l'Altrove.

Lì ci sono giorni sempre miti

e campi sempre belli.

 

La luna che splende su chi

là vaga contento e libero

ha intessuto la sua luce con le tenebre

dell'immortalità.

 

Lì si incominciano a vedere le cose,

le favole narrate sono dolci come quelle non raccontate,

là le canzoni reali-sognate sono cantate

da labbra che si possono contemplare.

 

Il tempo lì è un momento d'allegria,

la vita una sete soddisfatta,

l'amore come quello di un bacio

quando quel bacio è il primo.

 

Non abbiamo bisogno di una nave, creatura mia,

ma delle nostre speranze finché saranno ancora belle,

non di rematori, ma di sfrenate fantasie.

 

Oh, andiamo a cercare l'Altrove

 

Fernando Pessoa